È sempre bello, per un autore, verificare come un libro può essere letto e, soprattutto, utilizzato nelle concrete attività didattiche, nell’ambito dei programmi scolastici. Dunque, mi sono davvero sorpreso – nel senso che per me è stata una sorpresa – ricevere un vero e proprio fascicolo che raccoglie i lavori della Classe 5° D a Colori della Scuola Primaria “Cassano”, dell’Istituto Comprensivo “Cassano-De Renzio”, diretto a Bitonto (BA) dal prof. Saverio Pansini.

Il prodotto didattico – coordinato dalla docente, nonché vice preside, Anna Maria Cutrone –  è una sorta di antologia grafica e testuale a seguito della lettura del libro “Mente, Cuore, Mani”, pubblicato da Funtasy Editrice. Presenta, in termini molto freschi ed immediati, il percorso che l’intera Classe ha vissuto tra le pagine della pubblicazione, avuta tra le mani mentre l’anno scolastico era già in corso (ed in corsa). Ma non solo. Si propone, anche agli occhi di un autore, come una sorta di originale guida didattica su come e cosa fare in aula quando si ha tra le mani un testo che, come “Mente, Cuore, Mani”, mescola gli stili del racconto, del saggio, dell’indagine, della ricerca e della biografia.   

L’abilità e la sensibilità dell’insegnante sono state determinanti, anche in questa occasione, nel prendere al volo l’opportunità di leggere un libro e di portarlo “dentro” l’itinerario scolastico, e di vita, degli alunni. Oltre i programmi e le scadenze, comunque rispettati, ma non ritenuti vincolanti come un cappio al collo delle attività. Aprire alcune ore di lezione alla novità di un libro, non programmato e non previsto, significa spalancare prospettive e dinamiche che favoriscono lo stesso lavoro della classe.

Si fa e si sta a scuola non per applicare burocraticamente metodi e programmi, ma per costruire esperienze vive ed appassionanti. Sono personalmente convinto che i “metodi” se applicati pedissequamente, senza rispettare le individualità della classe e della scuola di un territorio, possono essere un peso e frenare potenzialità e risorse, individuali e di gruppo.

È stata invece una scelta di libertà creativa e didattica a permettere, alla docente e agli allievi, di entrare nelle storie e nei capitoli di un libro che racconta come l’attuale pontefice, Papa Francesco, sia vicino a bambini e ragazzi e come egli li ascolti, parli e dialoghi con il mondo dei giovanissimi. Sono argomenti trasversali che – va detto – non necessariamente attengono all’ora di religione, ma interessano varie discipline. La Classe quinta di Bitonto ha accolto con entusiasmo la proposta di lettura e di analisi del testo che, nei sette capitoli,  propone realtà e temi come l’essere bambini e ragazzi, la famiglia, la scuola, l’ambiente, il tempo libero e il gioco, l’uso della tecnologia.       

La pubblicazione si presenta, anche graficamente, in modo da facilitare le azioni del leggere e del pensare. Come noto, le pagine propongono termini ed espressioni evidenziati in grassetto: ciò invita a fermarsi e a soffermarsi sulle parole, e a giocarci, comprendendone il significato, nel trovare sinonimi e contrari e così via. Per ogni capitolo è poi scelta una “parola in giallo”, alla quale è abbinato un approfondimento, non solo linguistico. Infatti, per capire un testo, bisogna farlo proprio, entrarci un po’ dentro. Dunque, lavorare sulle informazioni, sulle notizie e sui dati che le pagine presentano. La lettura  aiuta a identificare l’argomento generale e consente di raccogliere elementi utili per verificare se lo stesso titolo del libro corrisponda ai contenuti (e non è una cosa strana da accertare).           

Affascinati dalla frase-messaggio che è l’incipit del libro – “C’è un papà molto speciale. È così speciale che perfino il nome è scritto in modo speciale, senza l’accento sulla ultima a…” – gli alunni, attraverso testi e disegni, hanno proiettato il senso del racconto all’interno della propria vita quotidiana. E della propria famiglia. Dunque, prima ancora di “leggere” un personaggio pubblico come Papa Francesco, ecco la domanda sulla figura paterna: “Cosa ha di speciale un papà?”. E poi: “Perché il papa è un papà speciale?”. Sono seguiti testi e disegni che hanno inteso raffigurare vari aspetti della personalità di Papa Francesco e del suo modo di essere un “papà speciale” ed un “papà di tutti”, a fianco di tutti e soprattutto dei bambini.

Bellissimi i disegni, dai quali si evince lo stesso mondo interiore di ogni alunno, anche in rapporto all’idea e al concetto stesso di paternità. Emergono le raffigurazioni del sole, sempre disegnato nella luminosità e nella grandezza. Spiccano gli alberi e i tronchi, segni e simboli di solidità, forza, senso di appartenenza, espressione di legami con la terra e la famiglia. Brillano i colori complementari, a raffigurare l’armonia, la completezza, la fantasia creativa, l’operosità. Colpiscono le braccia e le mani, come elementi dell’architettura di un corpo umano che desidera comunicare, cercare, appoggiarsi, aprirsi a se stesso e agli altri. E poi: il mondo, raffigurato come casa comune, da custodire e salvaguardare. Ma anche come fardello di problemi, che il papà speciale cerca di caricarsi sulle spalle, faticosamente, come fa ogni papà nella propria famiglia (bellissimo questo rimando che accomuna la raffigurazione dei ruoli delle due figure paterne).

Sì, la Classe 5aD a Colori della “Cassano” di Bitonto (BA), ha lavorato di “Mente, Cuore, Mani”, in un intreccio di gesti e pensieri confluiti in un fascicolo che non può che trasmette stati d’animo, emozioni, così come sono state vissute dagli allievi. Maria Montessori – una donna che amava la scuola, direbbe Papa Francesco – diceva che per insegnare bisogna emozionare. Niente di più vero, anche per Anna Maria Cutrone. Ma con questo lavoro sul libro “Mente, Cuore, Mani”, ragazze e ragazzi di Bitonto ci dicono una cosa in più: che anche l’apprendimento è sapere emozionare ed emozionarsi. È questo che fa la differenza: a scuola e di una scuola.        

Roberto Alborghetti                

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna allo store